Musicisti Esenzione comma 188 Finanziaria 2007

LAVORO ARTISTICO OCCASIONALE:

Per quanto concerne i soggetti con ruoli artistici esiste la possibilità di applicare l’agevolazione di cui all’art. 1, c. 188 L. 286/2006 che prevede l’esonero da qualsiasi prelievo e adempimento previdenziale inerente la contribuzione IVS fino alla soglia di € 5.000,00 annui di compenso nel rispetto delle condizioni soggettive ed oggettive previste dalla norma.

Questa agevolazione potrebbe essere applicata in forma complementare alle agevolazioni previste dall’art. 67, c. 1, lett. m) D.P.R. 917/1986 poiché non riguarda artisti e musicisti.

La Legge Finanziaria 2008 all’art. 39-quater ha introdotto un articolo intitolato “Modifiche all’art. 1, c. 188, L. 296/2006 in materia di esenzione contributiva per esibizioni musicali in spettacoli di intrattenimento” prevedendo un nuovo regime di esonero contributivo per gli artisti non professionisti che svolgono tale attività in forma marginale, al fine di agevolare determinate situazioni riducendo i costi e gli adempimenti obbligatori.

Con tale norma troviamo quindi anche in ambito artistico la medesima flessibilità prevista dall’art. 2222 Codice Civile in caso di professionisti occasionali, poiché anche in tale circostanza l’importo annuo massimo per poter usufruire dell’agevolazione è di € 5.000,00 lordi soggetti a ritenuta d’acconto, anche se vi sono alcune condizioni che limitano l’ambito applicativo.

ATTIVITÀ RICOMPRESE NELL'ESONERO CONTRIBUTIVO

GRUPPO CANTO

• 011 - artisti lirici.
• 012 - cantanti di musica leggera.
• 013 - coristi e vocalisti.
• 014 - maestri del coro, assistenti ed aiuti del coro, suggeritori del coro.

GRUPPO DIRETTORI E MAESTRI D'ORCHESTRA

• 071 - direttori d’orchestra.
• 072 - sostituti direttori d’orchestra.

GRUPPO MUSICISTI E ORCHESTRALI

• 081 - concertisti e solisti.
• 082 - professori d’orchestra. • 083 - orchestrali.
• 084 - bandisti.

Esonero dal versamento dei contributi previdenziali alla Gestione INPS FPLS (ex Enpals) per un importo lordo annuo fino a € 5.000,00, la somma è assoggettata solamente a ritenuta d’acconto ed a contribuzione assistenziale.

senzione dalla richiesta di agibilità, esonero dalla trasmissione della denuncia mensile. (UNIEMENS)

Con la Nota n. 1 della Circ. n. 2/2018 l’INPS PALS ha precisato che “Poiché tale agevolazione riguarda unicamente gli adempimenti informativi e contributivi nei confronti dell’INPS FONDI FPLS, permangono, ove previsti, tutti gli altri obblighi di legge riguardanti le norme in materia di sicurezza sociale (adempimenti inerenti la tutela del lavoro minorile, assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e la sicurezza, versamento della contribuzione assistenziale all’Inps, ecc.)”.

DICHIARAZIONE DEL LAVORATORE

È un regime facoltativo, non obbligatorio, per chi effettua attività artistica professionale occasionale, ma di elevato interesse in quanto permette un forte risparmio (ricordiamo che il versamento contributivo ammonta al 33,00%, di cui il 9,19% del compenso lordo a carico dell’artista ed il 23,81% a carico del datore di lavoro).

Si suggerisce che il committente faccia sottoscrivere una certificazione o chieda una dichiarazione sostitutiva di atto notorio all’artista occasionale prima dello svolgimento della prestazione artistica, oppure non più tardi del momento in cui effettua il pagamento del compenso pattuito, tramite la quale il lavoratore attesti di non aver superato la soglia di esonero contributivo e di rispettare i requisiti soggettivi di seguito indicati.

REQUISITI SOGGETTIVI

• I soggetti esonerati dalla contribuzione sono: .. giovani fino a 18 anni;

studenti di scuola media superiore ovvero iscritti a corsi di laurea triennale e quinquennale

studenti di scuola media superiore ovvero iscritti a corsi di laurea triennale e quinquennale

studenti di scuola media superiore ovvero iscritti a corsi di laurea triennale e quinquennale dell’ordinamento scolastico ed universitario nazionale, nonché iscritti in istituti stranieri che rilasciano titoli equipollenti a quelli rilasciati dagli istituti italiani fino al venticinquesimo anno di età;

pensionati di età superiore ai sessantacinque anni

soggetti che svolgono un’altra attività lavorativa effettuando versamenti contributivi ad una Cassa pubblica o privata differente da quella dei lavoratori dello spettacolo

REQUISITI OGGETTIVI

• L’esenzione contributiva opera solo se la prestazione consiste in esibizioni musicali dal vivo, dovendosi intendere:

spettacoli; manifestazioni di intrattenimento; celebrazione di tradizioni popolari e folkloristiche.